Fare un planning: gli errori da evitare

L’organizzazione è sempre molto importante. Vale a diversi livelli ma qua il discorso lo possiamo declinare, senza problemi, al settore della formazione che state vivendo in prim persona. Perché avrete a che fare con materie di corsi di laurea sempre più specialistiche. Perché dovrete mettere insieme tutti i pezzi del puzzle di quel che potreste usare per prendere al meglio il pezzo di carta. Ecco perché il passaggio del planning e degli errori da evitare è molto serio. I consigli su come organizzare al meglio lo studio on line non li dovete prendere alla leggera. Una mjni-guida non può estinguere un tema così vasto ma i passaggi chiave di come studiare a distanza qua li potete fare del tutto vostri. Curiosi? Ecco cosa c’è da leggere in pochi minuti.

Interessati a sapere come fare al meglio un planning di studio e quali siano gli errori da evitare nella sua creazione? Buone notizie per voi. La prima è che già solo il fatto che ve lo stiate chiedendo è segno di maturità. L’altra bella notizia, poi, è che questo articolo getterà le fondamenta in tal senso. Ora non vi resta che leggerlo fino alla fine cercando di capire le seguenti considerazioni che contestualizzeranno il tema in modo da darvene un quadro più ampio.

Intanto gli sbagli da non fare nella programmazione dello studio universitario sono:

  • Non programmare, perché le ammazzate o le sessioni saltuarie di lettura non hanno mai dato risultati duraturi e un corso di laurea lo dovete considerare una marcia lunga più che uno scatto da centometrista;
  • Essere troppo evasivi, che significa essere convinti davvero dell’utilità di questo passaggio e, quindi, espletarlo non all’acqua di rose ma con dedizione e pertinenza;
  • Essere troppo esigenti, perché obiettivi realistici sono il miglior modo per non stressarsi e andare avanti. Alzare l’asticella all’impossibile vuol dire generare apettative che genereranno solo delusioni.

Studiare con un planning fatto bene

L’unico modo giusto per seguire formazione a distanza è studiare con un planning fatto bene. L’autonomia che lascia il seguire una lezioni tramite video che gira su piattaforma eLearning è altissima ma non dovete non darvi disciplina. Ne uscireste con le ossa rotet.

Esercitare il proprio diritto allo studio non deve ingolosirvi oltre il consentito. Va bene mettersi sui libri a mezzanotte o seduti sotto ad un albero ma ricordatevi che le materie devono essere penetrate gardualmente e seguendo un discorso cognitivo che consenta a voi di crearvi le giuste mappe concettuali.

Un consigio è farsi un calendario delle lezioni on line da seguire e rispettarlo con la stessa serietà con cui rispettereste lezioni in aula. Così non rinunciate a nulla. Il calendario, infatti, lo potete stilare secondo le vostre esigenze ma alla costanza non girate le spalle.

I trucchi per organizzare l’apprendimento

Di trucchi per organizzare al meglio l’apprendimento ce ne sono molti sul web. Senza entrare nel merito di quali siano buoni e quali no, vi invitiamo a farvi una domanda e cioè a capire che tipologia di studente siete. In base a quello capirete da soli la strada migliore per fissare i conceti chiave di una materia. Ecco i prototipi di chi si mette sui libri:

  • gli studenti auditivi. che imparano meglio ascoltando e prendendo appunti e ricordano esempi e storie  interessanti- Traggono vantaggio dall’usare un registratore;
  • gli studenti visivi, che hanno sbiogno di aiuti visivi come video, slide, grafici, cartelloni;
  • gli studenti cinestesici, che necesitano di sperimentare in modo pratico con dei laboratori che li coinvolgano attivamente, esperimenti e attraverso la manipolazione e la collezione di oggetti;
  • lgli studenti da scrittura, che imparano più facilmente tramite la scrittura, facendo delle liste e prendendo appunti.

Farsi aiutare dal tutor

Sarebbe sciocco pensare di fare un panning di studio senza il supprto di chi ha già esperienza in tal senso. Tutte le telematiche offrono il servizio di tutorship che, tra le altre opzioni, dà anche quella di farsi supportare nell’organizzazione dello studio.

Il miglior modo per farsi aiutare dal tutor è pensare a come creare un piano di studi insieme a lui, affrontando prima della fatica ogni punto, in modo che poi abbiate chiaro in testa il percorso che dovrete affrontare.

Ricodatevi che tra le mansioni di chi fa tutoraggio c’è anche quella del supporto psicologico. Usatelo se vi sentite confusi e persi in questa caotica fase di messa a punto della vostra formazione accademica.

Usare i social network per studiare

Un modo alternativo per calendarizzare gli studi è uare i social network. Vi basterà con Facebook cercare tutti i colleghi della vostra università e poi creare un gruppo.

Al suo interno vi sarà possibile scambiare documenti, file ed opinioni sui professori e sulle singole materie. Entrare in un network di studenti è un modo moderno per studiare da casa ma senza rinunciare alle preziose dinamiche di una classe di colleghi.

Adesso fare un planning, e soprattutto sapere quali errori da evitare ci sono, è cosa vostra. Non è cosa vostra, invece, l’onniscenza per cui è bene che continuitae a prendere informazioni sul tema. Sul web, in primis, ma, se ci date fiducia, anche attraverso la lettura degli articoli che con frquenza mettiamo sul blog tematico o attraverso le domande che potete scriverci sulla pagina dedicata.

Non ci sono commenti

Inserisci commento