Formarsi sulla New Economy? Con le telematiche

Uno sguardo al futuro… sembra l’inizio di un banale spot televisivo ma in realtà è l’approccio giusto che dovete avere quando pensate alla vostra formazione. E’ ovvio che tutto è possibile sempre ma è altrettanto ovvio che gli anni accademici e di successiva formazione specialistica siano per voi un passaggio clou verso l’ingresso corretto nel mondo del lavoro. Se riuscite a farlo bene e a farlo anticipando le masse, avete vinto. Ecco perché ha molto senso formarsi sulla New Economy. Sapere come muoversi in questo settore, per molti ancora sconosciuto, significa possedere un know-how unico e, in quanto tale, spendibile. Le università telematiche, da sempre più agili e smarcate di quelle tradizionali nell’attivare nuovi corsi ed individuare nuove strade, offrono tanto. Sta a voi scoprirlo e farlo vostro. Buona lettura con questa mini-guida.

Per capirne di più su come formarsi sulla New Economy, partiamo dalla fine. La ragione è che questo blog si distingue per serietà ed un approccio serio deve dirvi subito che un tema così vasto (e a volte dai confini labili) non lo si può esaurire in un solo articolo. Per questa premessa e questa ragione, però, vi invitiamo a leggere tutti i post che quotidianamente pubblichiamo sul blog tematico. Non solo. Quello che non trovate là potete chiedercelo direttamente attraverso la pagina dedicata con la possibilità di raggiungere il nostro staff senza filtri.

Cosa è la New Economy

Ci vuole una partenza per tutto. Se volete studiare come lavorare nelle nuova economia, partite dalla definizione che, secondo Wikipedia, è “quella fase di impetuoso sviluppo legato alla diffusione delle tecnologie informatiche e digitali (Internet, telefoni cellulari, personal computer, prodotti informatici e digitali) che interessò l’ultimo scorcio del XX secolo, partendo dagli Stati Uniti e poi estendendosi agli altri paesi industrializzati del mondo. Queste nuove tecnologie dettero avvio a una bolla speculativa che surriscaldò i mercati finanziari, alimentando la crescita dei paesi industriali negli ultimi anni del secolo scorso”. Nel nuovo millennio, sono ancora “nuove” e poco conosciute. Valutate da soli in che posizione sareste se poteste operarci.

Qua si tratta di superare l’atavica difficoltà del nostro paese circa la tecnologia invertendo il flusso e andando cioè ad investire forte su una formazione tecnologica moderna che latita in Italia ma abbonda nei paesi limitrofi.

Quali sono i migliori master in Economia

Se pensate di operare come esperti nella New Economy, partite dall’idea che una laurea vi servirà poco. Dovete assecondare il mercato del lavoro e il mercato del lavoro chiede know-how specifico che solo i master sanno dare.

Per fortuna realtà come Unicusano e non solo attivano continuamente questo tipo di studi legando l’offerta all’attualità come dimostra il recentissimo “Master I Livello in Data analyst“.

Non vi resta che farvi un giro sui siti ufficiali e scegliere quello che fa per voi. Il segreto è andare ad individuare una nicchia che di certo vi interessi (ci dovete stare tutta la vita) ma dove non ci sia ancora troppo “traffico” perché dovete farvi pescare dalle aziende ed essere presi “all’amo” è più facile se non ci sono troppi “pesci” accanto a voi.

Summer School di Unicusano

Nell’ottica di acquisire competenze specializzati nel settore dell’Economia, vi consigliamo di leggere cosa offre questa iniziativa. Durante il periodo estivo, infatti, mentre gli altri studenti si rilassano in spiaggia, voi potrete seguire corsi di specializzazione tenuti dai docenti dell’Ateneo ma anche da esperti riconosciuti che vi daranno modo di avere le basi di materie ai più sconosciute e, grazie ai workshop giornalieri, anche un bagaglio di esperienza unica spendibile con le aziende in fase di ingresso nel mondo del lavoro.

Il concept di base è che una formazione moderna non può prescindere dal mix tra teoria e pratica, da sempre attuato negli Stati Uniti (non a caso leader nel mondo) perché vi mettono in mano un mestiere che i classici neo-laureati italiani iniziano a scoprire solo quando chiudono i libri e perché vi crea un network con gli addetti ai lavori che di certo vi tornerà utile nel futuro prossimo.

Come fare un tirocinio all’estero

Se vi piace fare le cose per bene ma con calma, un modo per entrare gradualmente nel mondo del lavoro è lo strumento del tirocinio.

Ormai molte università telematiche hanno creato network con aziende italiane ed europee per darvi la chance di lavorare un tot di ore in quelle realtà assaggiando il mondo del lavoro.

Tutte quelle che mettono i loro studenti in grado di percorrere questa strada, offrono una lista delle aziende in cui fare tirocinio in Italia e in Europa in modo che possiate capire in partenza dove potrete far fruttare in concreto la vostra preparazione sulla New Economy.

Ora che avete girato la chiave e ne sapete di più su come formarsi sulla New Economy, non potete fermarvi qua. Vi dovete sentire come cow-boys alla Frontiera, una Frontiera tutta da scoprire a suon di formazione telematica e percorsi di studi innovativi ma già presenti tra di noi.

 

Non ci sono commenti

Inserisci commento